Film di gioco 2019

No products found.

Senza dubbio conosci il tuo Casino Royale del 1967 dal suo remake del 2006, e probabilmente hai visto il Casinò del 1995 troppe volte. Che ne dici di ripassare alcune caratteristiche che raramente fanno la lista dei film del casinò ma che meritano l’attenzione di un fan del cinema?

Carte che suonano, baccarat, blackjack, poker, e diverse opzioni di scommesse sportive sono state registrate su film… da quando il cinema è iniziato nel 1895! Oggi visitare siti come 1XBet è lo stesso come andare al Bellagio o Caesar Museum Palazzo dove alcuni classici sono stati effettivamente girati. Ma piuttosto che semplicemente arruolare i migliori film da casinò ci permettono di scendere nella storia del cinema e vedere come il gioco d’azzardo è stato ritratto in film meno noti.

Prima carta filmati in riproduzione

Uno dei primi film d’azzardo di sempre, Partie de Cartes, fu realizzato dai Lumière Brothers nel 1895. Questo cenno al gioco d’azzardo fu ripetuto un anno dopo come Une Partie de Cartes dal primo artista cinematografico, George Méliès. Questi primi film furono un po’ meno o poco più di un minuto, e i registi si resero conto che avevano bisogno di un’azione interessante da mostrare. Il gioco a carte era ovviamente considerato il secondo miglior soggetto dopo un treno in avvicinamento che evocava una risposta emotiva. Per Méliès divenne il primo film di regista, lungo solo 67 secondi.

Gioco d’azzardo e scommesse sportive in film silenziosi

I pericoli e le fortune dei giocatori d’azzardo rimasero al centro dei cineasti durante tutto il periodo silenzioso. I film di Charlie Chaplin, The Champion (1915) e The Immigrant (1917), illustrarono la passione del gioco e i problemi dei traditori.

La regina di picche, una storia di Alexander Pushkin, fu per la prima volta adattata allo schermo nel 1910, come un cortometraggio basato sull’opera di Pyotr Tchaikovsky. Tuttavia, l’adattamento di Yakov Protazanov del 1916 gli valse un posto nella storia per prestazioni eccezionali e una vasta gamma di tecniche cinematografiche, insolite all’epoca, tra flashback e scatti divisi. La regina di picche è una storia di povertà e avidità che porta alla follia e alla morte.

Suono acceso, colore acceso!

Quando i cineasti hanno imparato a registrare la voce e ad aggiungere il colore al film, si è aperto un intero nuovo universo. Le montagne russe emotive erano ora accompagnate dall’espressione vocale. Il colore ha profondamente influenzato la cinematografia. All’inizio, le parti del film sono state colorate durante l’editing: blu significava noia o tristezza, mentre il rosso era tutto sulla passione, l’amore e la morte. Il verde come il colore di dollari e tavoli da casinò simboleggiavano il vizio e l’avidità. Quando è arrivato Technicolor, i registi hanno subito iniziato a sfruttare le nuove opportunità.

Fyodor Dostoyevsky è stato adattato allo schermo più volte, a partire dal flick tedesco del 1938 che non è stato rilasciato correttamente fino a dopo la guerra a causa di uno scandalo. Il romanzo più tardi ispirò due film ben noti sotto lo stesso nome.

Dopo la seconda guerra mondiale

A seguito della fine della Grande Guerra, sia gli spettatori che i registi volevano alcune caratteristiche action-packed, preferibilmente con alcuni bellissimi lead. Charles Vidor ha colpito tutti i pulsanti giusti con Gilda (1948), con protagonista Rita Heyworth. Gilda è l’oggetto di rivalità tra un proprietario del casinò e un giocatore d’azzardo. Dopo una serie di inseguimenti, incidenti, evasioni improbabili e un omicidio che lei riconcilia con Johnny Farrell (Glenn Ford), che ha conosciuto molto prima della storia del film. Fotografia di Rudolf Mate e design di costume di Jean Louis guadagnato questo film il suo fascino eterno. Il poster presenta la rossa Hayworth in un gown verde come simbolo di greed, envy, e casino fortuna.

Video: film di gioco 2019

Torna su